Maschere per capelli antiforfora fai-da-te

Qualsiasi persona può essere colpita dalla forfora, nessuno è completamente protetto da questo fenomeno sgradevole. I capelli più belli e curati perdono il loro look attraente, quando sulle radici spunta la polvere bianca. La forfora da enorme fastidio psicologico, in quanto una persona dall’aspetto trascurato provoca rigetto invece di simpatia. Questo fenomeno riguarda particolarmente coloro che hanno i capelli scuri, sui quali la desquamazione del cuoio capelluto risulta molto più evidente. Inoltre, cadendo sulle spalle e perfino sulla schiena le scaglie di forfora si vedono perfettamente anche sui vestiti.

Oltre ai problemi di autostima, le persone soffrono spesso di sintomi come il bruciore, prurito oppure, nelle situazioni più gravi, addirittura la perdita di capelli e calvizie. Le maschere per capelli contro la forfora aiuteranno ad eliminare questo tipo di problema. Adesso vediamo quali rimedi fai-da-te sono in grado di curare la malattia.

Le cause del disturbo

La comparsa della forfora è causata dai funghi che sono presenti nella pelle di ogni persona, fin tanto che il sistema immunitario funziona normalmente la loro riproduzione incontrollata viene limiataLa comparsa della forfora è causata dai funghi che sono presenti nella pelle di ogni persona, fin tanto che il sistema immunitario funziona normalmente la loro riproduzione incontrollata viene limiata. Appena accade una disfunzione delle ghiandole sebacee, la loro quantità inizia subito a moltiplicarsi. I funghi si alimentano col sebo provocando la morte accelerata dello stato superiore dell’epidermide. In generale dovrebbe funzionare per circa 30 giorni, ma colpita dai parassiti non sopravvive più di 10 giorni. Le cellule non hanno un tempo sufficiente per seccarsi completamente e quindi si raccolgono in palline picollissime che si accumulano nella zona delle radici e lungo tutta la lunghezza dei capelli impedendo la loro crescita regolare.

L’anomalia può essere causata dei seguenti fattori:

  • problemi del tratto gastrointestinale e la disbiosi;
  • lo stress forte o la tensione nervosa permanente;
  • la mancanza delle vitamine A e B che si trovano nel grano saraceno, miglio, pomodori, fegato, farina d’avena, spinaci, carne e olivello;
  • disturbi dei processi metabolici;
  • l’igiene eccessiva oppure insufficiente (per esempio, se vi fate lo shampoo ogni giorno, o al contrario una volta alla settimana);
  • i residui dello shampoo nei capelli se lavato via male, potrebbero provocare una disfunzione delle ghiandole sebacee;
  • gli agenti sbagliati per la cura quotidiana – si devono scegliere lo shampoo, le maschere, i balsami, etc. adatti al vostro tipo di capelli e cuoio capelluto;
  • l’uso del phon, soprattutto se avete il cuoio capelluto secco.

I rimedi antiforfora

Oggi si trovano tantissimi rimedi sia professionali che casalinghi per combattere contro la forfora. Tuttavia, non abbiate fretta di comprarli subito. La maggior parte di essi contengono parabeni e solfati che avranno un impatto negativo sul vostro cuoio capelluto irritato e sensibile.

Alcuni produttori aggiungono perfino le sostanze che possono causare dipendenza. Quindi anche se riuscirete a risolvere il problema della forfora, appena cambiate il tipo di trattamento, essa ritornerà.

Invece, le ricette semplici della medicina popolare si distinguono grazie alla loro alta efficienza e sicurezza totale. Adesso vediamo in dettaglio come preparare i rimedi efficaci senza spendere tanti soldi.

Anche contro la perdita dei capelli

Risulta molto facile preparare il rimedioLe maschere contro la forfora e la perdita dei capelli hanno un impatto complesso: esse nutrono il cuoio capelluto con le sostanze benefiche, lo reidratano, attivando i follicoli dormienti accelerando i processi metabolici.

Risulta molto facile preparare il rimedio. Prendete un cuchiaio di radici di bardana macinate e un bicchiere di olio di semi di girasole, mescolate bene i componenti insieme e lasciate la mistura in un posto buio e fresco. Bisogna agitarla ogni giorno. Quando l’infuso sarà pronto applicatelo su tutta la lunghezza delle ciocche e lasciate in posa minimo per un’ora. Quindi fatevi lo shampoo almeno tre volte per togliere tutto il grasso.

Anche per stimolare la crescita

La mascera vitaminica nutriente cura delicatamente la capigliatura e il cuoio capelluto. Il suo impatto è seguente:

  • nutre i bulbi dei capelli;
  • idrata l’epidermide;
  • attiva i processi rigenerativi.

Per prepararla mescolate un cucchiao di bicarbonato di sodio in un bicchiere di acqua purificata, quindi aggiungete un paio di gocce di retinolo e tocoferolo, 5 gocce di olio essenziale di rosmarino. Applicate il liquido sia sulle radici che su tutta la lunghezza dei capelli. Lasciate in posa almeno per 5 minuti sotto una cuffietta di polietilene, dopo di che lavatelo via.

Il trattamento regolare con questa maschera vi aiuterà non solo a sbarazzarvi del problema di forfora ma anche a far crescere una bellissima chioma sana.

Anche la cura di seborrea

La seborrea è una malattia molto sgradevole che ha bisogno di una cura complessa. Nel corso del trattamento si possono includere anche i rimedi popolari, perché essi hanno un effetto benefico sulla capigliatura e sul cuoio capelluto.

Prendete 60 g di miele naturale, aggiungeteci mezzo cucchiaino di catrame di betulla, mescolate bene e massaggiate delicatamente l’impasto sulle radici e sul cuoio capelluto. Copritevi la testa con la cuffietta di polietilene e aspettate 45 minuti. Dopo di che fatevi lo shampoo e, se non riuscite a levare l’odore specifico di catrame, risciacquate i capelli con l’acqua acidificata con l’aceto di mele o succo di limone.

Effettuate regolarmente questa procedura per rendere la vostra chioma non solo sana ma anche lucida e brillante.

Contro la forfora secca

La secchezza del cuoio capelluto causa tanti disturbi: prurito, desquamazione della pelle, scaglie bianche di forforaLa secchezza del cuoio capelluto causa tanti disturbi: prurito, desquamazione della pelle, scaglie bianche di forfora. In questo caso ci si deve asciugare col phon meno possibile, anzi sarebbe meglio non usarlo proprio. Inoltre, bisogna applicare una maschera specifica per nutrire l’epidermide con delle sostanze benefiche per reidratarlo.

Per prepararla prendete 6 spicchi medi di aglio e l’olio di bardana riscaldato. Passate l’aglio nello spremiaglio e versateci tale quantità di olio che permetterà di ottenere una cremina densa. Applicate il rimedio sulle radici e cuoio capelluto e tenete al caldo per almeno 2 ore. Dopo di che fatevi lo shampoo.

Per togliere l’odore spiacevole ci si può pettinare col pettine bagnato negli oli aromatici, oppure risciacquare i capelli nell’acqua con la scorza o succo di agrumi. L’utilizzo regolare della maschera stimola la crescita della capigliatura e anche previene la comparsa delle doppie punte.

Contro la forfora grassa

La maschera contro la pelle grassa e forfora aiuterà a risanare i capelli normali e tendenti al grasso. Essa non solo risolve il problema della moltiplicazione dei funghi parassiti, ma anche stimola la crescita dei capelli, prevenendo la loro caduta.

Attenzione! Siccome il rimedio da una sfumatura castana, le bionde non lo devono utilizzare!

La ricetta è semplice: in un litro di acqua versate mezzo bichiere di corteccia di quercia e di buccia di cipolla e fate bollire per mezz’ora sul fuoco lento. Quindi lasciatelo raffreddare, filtratelo e aggiungeteci 50 ml dell’alcool salicilico. Applicate il liquido lungo tutta la chioma, massaggiate bene sul cuoio capelluto, lasciate in posa al caldo per 30 minuti, dopo di che fatevi lo shampoo.

Anche contro il prurito

Questa ricetta è adatta per il cuoio capelluto secco e molto secco. I suoi componenti naturali nutrono l’epidermide, rendono le ciocche brillanti e elastiche, idratano le punte.

Per preparare la maschera mischiate:
  • 20 ml di spremuta del limone;
  • un cucchiao di maionese grassa;
  • 30 ml di olio di ricino;
  • 20 ml di succo di aloe;
  • 25 ml di miele liquido.

Unite tutti gli ingredienti fino ad ottenere una composizione omogenea, poi massaggiatela delicatamente sulle radici e sulla pelle, quindi stendetela su tutta la lunghezza dei capelli. Lasciate in posa sotto la cuffietta di polietilene per circa un’ora e alla fine lavatela via usando lo shampoo.

Anche per i capelli grassi

La secrezione eccessiva delle ghiandole sebacee provoca l’untuosità elevata della chioma già l’indomani dello shampooLa secrezione eccessiva delle ghiandole sebacee provoca l’untuosità elevata della chioma già l’indomani dello shampoo. Potrebbe sembrare strano ma anche in queste condizioni può apparire la forfora, in quanto l’eccesso del sebo crea un ambiente favorevole ideale per i funghi parassiti.

Per risolvere questo tipo di problema usate l’infuso di calendula all’alcool, che si può comprare in qualsiasi farmacia ed è molto economico. Massaggiate delicatamente il rimedio sulla pelle con i polpastrelli per 5 minuti, dopo di che tenete la chioma al caldo per mezz’ora. Alla fine lavatelo via bene con lo shampoo.

Nota bene! È assolutamente controindicato di usare gli infusi all’alcool se c’è qualche lesione nel cuoio capelluto. La maschera potrebbe anche provocare una reazione allergica. Se durante la procedura sentite prurito, formicolio, bruciore o altre sensazioni brutte, lavatela via subito.

Anche per il cuoio capelluto secco

La maschera aiuta a reidratare l’epidermide, nutre tutta la lunghezza delle ciocche, favorisce la rigenerazione delle strutture danneggiate e stimola il funzionamento dei follicoli. La composizione include l’alcool che rende la capigliatura lucida e favorisce la sua crescita.

Per preparare la maschera mescolate un tuorlo d’uovo con 50 ml di olio di semi di lino e 40 ml di rhum fino ad ottenere un composto omogeneo. Massaggiatelo sul cuoio capelluto e quindi stendetelo lungo i capelli. Lasciate al caldo almeno per un’ora, dopo di che fatevi lo shampoo.

La maschera al kefir

Preparate la maschera mischiando 80 ml di kefir grasso, un tuorlo d’uovo e 20 ml di olio di ricinoQuesto rimedio è adatto per i capelli grassi, in quanto regola il funzionamento delle ghiandole sebacee, nutre e idrata tutta la chioma, rende le ciocche morbide, vaporose e brillanti.

Preparate la maschera mischiando 80 ml di kefir grasso, un tuorlo d’uovo e 20 ml di olio di ricino. Omogeinezzate tutti i componenti e applicate il composto sulle radici e tutto lungo i capelli. Si deve lasciare la maschera in posa per circa un’ora sotto la cuffietta di polietilene. Quindi lavate via i residui con l’acqua corrente e lo shampoo.

La maschera al sale

Si usa il sale per fare il peeling del cuoio capelluto per i seguenti motivi:

  • pulisce profondamente i pori;
  • stimola la circolazione del sangue;
  • fortifica i bulbi dei capelli.

Aggiungete questo ingrediente semplice ed economico nelle maschere specifiche ideali per la capigliatura grassa.

Mischiate mezzo cucchiaio di sale alimentare o marino macinato con 40 ml di cognac e 60 ml di miele liquido. Versate il composto in un barattolo col coperchio e lasciate in un posto buio e fresco per 2 settimane. Dopo di che lo potete applicare sul cuoio capelluto e le ciocche un’ora prima di farvi lo shampoo e tenete al caldo.

Senape in polvere

Siccome la senape secca stimola i processi metabolici, spesso fa parte degli agenti destinati per la crescita di capelliSiccome la senape secca stimola i processi metabolici, spesso fa parte degli agenti destinati per la crescita di capelli. È possibile usare la polvere anche per combattere contro la forfora, e allo stesso tempo per attivare il funzionamento dei follicoli.

Prendete 2 cucchiai di senape secca e massaggiatela delicatamente sulle radici. State attenti perché se avete la pelle sensibile, il rimedio potrebbe causare una reazione allergica. Non lo usate se avete le lesioni nel cuoio capelluto.

Lasciate la maschera sui capelli per 15 minuti al massimo per non provocare irritazioni. Quindi lavatela via con l’acqua corrente e lo shampoo.

Il misto di oli

Gli oli naturali nutrono profondamente, idratano la chioma, e anche puliscono i pori e stimolano il funzionamento dei bulbi dei capelli. I componenti si possono usare separatamente, tuttavia per ottenere i migliori risultati uniteli con altre sostanze benefiche.

La maschera antiforfora viene preparata con 20 ml di olio d’oliva e 20 ml di olio di ricino, poi ci si aggiunge la spremuta di mezzo limone. Mescolate tutti gli ingredienti, quindi tenete il rimedio sotto la cuffietta termica per 40 minuti e lavate via i residui con lo shampoo.

Le opinioni delle donne che si fanno le maschere all’olio confermano che queste procedure non solo curano le malattie dermatologiche e tricologiche, ma anche migliorano in generale il benessere della capigliatura.

I consigli degli specialisti

Se avete deciso di svolgere il trattamento casalingo di forfora, bisogna farlo correttamente per evitare il danneggiamento della chioma.

Gli esperti consigliano di stare estremamente attenti quando si usano i rimedi con spirito, birra, cognac ed altri alcolici. Essi possono causare danni al cuoio capelluto sensibile, quindi prima dell’applicazione sempre fate un test prova di allergia. Applicate un composto su una piccola zona dietro l’orrecchio e aspettate 30 minuti. Potete continuare la procedura se non spunta nessuna reazione negativa.

Se avete deciso di svolgere il trattamento casalingo di forfora, bisogna farlo correttamente per evitare il danneggiamento della chiomaInoltre gli specialisti consigliano di seguire queste regole:

  • durante il trattamento si fanno 2-3 maschere alla settimana, poi quando il problema sarà risolto, si continua la prevenzione 1 volta alla settimana;
  • si deve dividere la cura in corsi, dopo ogni 10-12 maschere fate 2 settimane di pausa, dopo di che potete continuare;
  • è consigliabile lasciare qualsiasi maschera in posa sotto una cuffietta di polietilene, in quanto il calore aumenta l’effetto dell’azione dei componenti naturali;
  • non fermatevi ad una sola ricetta, ogni settimana provatene una nuova per ottenere i migliori risultati;
  • preparando i rimedi seguite tutte le indicazioni, tutte le proporzioni alla lettera;
  • se dopo un corso di trattamento non vedete nessun miglioramento, rivolgetevi ad un medico.

Conclusioni

È possibile curare la forfora usando le maschere fai-da-te. Però vi dovete rendere conto che il rimedio scelto deve essere adatto al vostro tipo di cuoio capelluto e capelli, altrimenti esso solamente peggiorerà la situazione.

I fattori più comuni della malattia sono i seguenti: la forfora accompagnata dalla caduta dei capelli, dal prurito della pelle, la forfora grassa e quella secca. La determinazione corretta del tipo di disturbo e una scelta giusta delle ricette vi aiuteranno ad ottenere i risultati positivi nei tempi più brevi.