Maschere per capelli decolorati: professionali e fai-da-te

Una donna con i capelli chiari attira di più l’attenzione degli uomini, perché sembra più tenera, delicata, indifesa, viene voglia di prendersene cura e regalarle fiori. Ecco perché ogni donna almeno una volta nella vita vuole diventare bionda. Questo non è un problema per le donne con capelli castani chiari, basta schiarire la chioma di un paio di toni senza gravi danni. Ma se il colore viene cambiato in modo drastico dovete essere pronte a lavorare sodo sulla ricostituzione dei boccoli. In tal caso la maschera per capelli decolorati è il primo soccorso.

Cosa succede?

Maschera per capelli scoloritiLa decolorazione dei capelli è una delle procedure più dannose, rovina la chioma tanto quanto la famosa piega permanente realizzata oggigiorno solo dalle vecchiette. Il pigmento colorante non si trova in superficie ma nello strato interno del fusto capillare. Per sciogliere e dilavare il pigmento bisogna aprire il fitto strato delle squame di cheratina, che protegge i capelli dai danni esterni.

Non importa in che modo si ottiene l’apertura delle squame, fisico o chimico: più è forte, peggio è per i capelli. Se l’azione sarà troppo aggressiva, seri problemi appariranno già dopo la prima decolorazione:

  • la chioma perde la luminosità naturale;
  • perde la flessibilità;
  • non si pettina bene;
  • appaiono le doppie punte ed i capelli si spezzano alle radici;
  • diventa priva di vita e porosa.

Inoltre, i decoloranti chimici molto spesso contengono ammoniaca o/e perossido d’idrogeno ed hanno un effetto negativo sul cuoio capelluto. Queste sostanze irritano e seccano troppo la pelle, possono causare la forfora e addirittura la morte dei follicoli piliferi.

Ovviamente, dopo tale trattamento dovrete salvare i capelli. Bisogna di nuovo idratarli, lenire la cute irritata, normalizzare il funzionamento delle ghiandole sebacee e, se possibile, ricostituire lo strato di cheratina.

È molto più facile farlo con prodotti professionali in fiale o maschere di buona qualità. Non basta una sola seduta, serve un ciclo di terapia intensiva, soprattutto se avete cambiato il colore in biondo e dovrete ricorrere alla decolorazione in modo regolare.

Tipi di maschere

Per qualche motivo molte donne credono che le maschere per capelli decolorati non siano così importanti se i capelli non sono troppo rovinati e basta usare regolarmente gli shampoo e balsami speciali.

Questa opinione può diventare un errore fatale: shampoo e balsami non ricostituiscono la chioma danneggiata, ma servono solo per non rovinarla ancor di più durante il lavaggio.

Professionali

Senza dubbio, le maschere professionali contenenti formule molecolari tecnologicamente avanzate hanno un effetto più duraturo ed evidente di quelle preparate in casa secondo le ricette popolari. Ma questo è un discorso di gusti e possibilità economiche.

Il vantaggio principale dei rimedi professionali è la loro capacità di passare attraverso la corteccia e lavorare dall’interno, e non solo sulla superficie del capello. Però sono pieni di sostanze chimiche. Anche se nella loro base sono presenti olii naturali ed estratti vegetali sono necessari stabilizzanti, conservanti, etc. per mantenere la consistenza e garantire il lungo termine di conservazione.

Secondo le recensioni dei consumatori le maschere professionali di alta qualità hanno un risultato evidente già dopo la prima applicazione. Ecco perché nei saloni di bellezza vengono sempre fatte dopo una decolorazione.

Spesso i primi posti nelle classifiche sono occupate dai prodotti seguenti:

  1. Mezzi professionali per capelli decoloratiAbsolute Repair Cellular di L’Oreal. Il marchio garantisce la ricostituzione quasi completa anche dei capelli danneggiati e sovraessiccati dalla decolorazione. La maschera contiene un complesso polivitaminico, cheratina liquida, proteine. Rende i capelli perfettamente lisci, facili da pettinare, elimina secchezza e fragilità, ma appesantisce leggermente la chioma.
  2. Professional Sleek Smoother Treatment di Londa. È una maschera idratante e lisciante con proteine di grano ed olio di avocado. È adatta ai capelli molto secchi e privi di vita. Non appesantisce, ma dopo l’applicazione rende i capelli piacevolmente setosi, la chioma si mette bene in piega, le punte non si sdoppiano.
  3. Keratine Restore di Wella. Riporterà in vita anche i capelli molto secchi grazie alla combinazione di tre olii vegetali pregiati: di Argan, di jojoba e di mandorla. È sconsigliato applicare la maschera sul cuoio capelluto perché può causare la seborrea grassa. Tuttavia è un vero balsamo guaritore per le chiome rovinate dalla decolorazione.
  4. Lush Jasmin & Henna di Lush. È un prodotto abbastanza costoso, da usare come primo soccorso se la chioma è particolarmente danneggiata. Questo è un rimedio a base di olii naturali con estratti di gelsomino e di hennè bianco. Rimette a posto le squame di cheratina aperte, riempie i pori, rende la chioma luminosa e cura le doppie punte.

Basta applicare le maschere professionali 1-2 volte a settimana, perché contengono un’alta concentrazione di sostanze nutritive e, se usate con troppa frequenza, possono bloccare i pori o causare irritazione cutanea.

Domestiche

Le maschere fatte in casa hanno un effetto meno rapido di quelle professionali, tuttavia hanno un vantaggio indiscusso: non contengono sostanze chimiche, quindi, si possono applicare non solo sui capelli, ma anche sul cuoio capelluto. Sono assolutamente innocue, in quanto potete scegliere voi gli ingredienti necessari ai vostri capelli.

Eccovi alcune ricette efficaci collaudate dal tempo:

  • Con zucchini. Idrata bene la chioma, la rende luminosa, cura le doppie punte. Grattugiate con la grattugia piccola una zucchina grande con la buccia. Potete aggiungervi un po’ di sale per farne sprigionare prima il succo. Spremete bene la polpa attraverso una garza e mischiate il succo con un cucchiaio di panna ed un cucchiaino di olio d’oliva.
  • Maschera di banana per capelli scoloritiCon banana. Si sa che la polpa di banana è ricca di vitamine e microelementi. Idrata bene i nutre il cuoio capelluto ed i capelli, rafforza le radici, conferisce luminosità e facilita la pettinatura. È adatta ai capelli secchi, spenti e fragili. Montate in un frullatore la banana senza buccia, un uovo e un cucchiaio di olio di ricino.
  • Con miele e cognac. Rafforza i capelli indeboliti, li rende flessibili, previene l’alopecia, rende la chioma più folta svegliando i follicoli piliferi dormienti. Montate un tuorlo d’uovo con un cucchiaio di miele fino ad ottenere una schiuma forte, aggiungetevi un cucchiaio di cognac.
  • Con kefir. Grazie all’acido lattico contenuto nella bevanda, il rimedio ha un leggero effetto decolorante e, usata regolarmente, questa maschera può diventare un efficace metodo preventivo contro quella sgradevole giallezza, tipica dei capelli decolorati. Potete applicare il kefir senza aggiungere niente o mischiarlo con miele o/e tuorlo d’uovo.
  • Con aloe e miele. È una combinazione classica in grado di curare velocemente la pelle irritata da decolorazione, idratare i capelli e addirittura accelerare significativamente la loro crescita. Mescolate un cucchiaio di olio d’oliva o di mandorla riscaldato e un cucchiaio di miele, quindi aggiungetevi 5 ml di estratto di aloe. Massaggiate delicatamente il rimedio nelle radici, dopo di che distribuitelo su tutta la lunghezza.

Tutte le maschere popolari sono più efficaci se dopo l’applicazione indossate una cuffia e avvolgete la testa con un asciugamano a caldo. Potete tenerle fino ad un’ora di tempo, mentre quella di kefir potete lasciarla per tutta la notte. Lavate via le maschere con acqua tiepida ed un po’ di shampoo.

Un consiglio importante: applicate una maschera fai-da-te prima di decolorare i capelli, così la chioma verrà danneggiata molto meno.

Laminazione con la gelatina

Fatta in casa, la laminazione dei capelli con la gelatina aiuta, idratandoli, a migliorare visibilmente ed in modo veloce il loro stato di salute. Potete realizzare questa procedura anche in un salone di bellezza, ma lì i capelli subiranno ancora una volta l’effetto nocivo delle sostanze chimiche. Tuttavia, esiste anche possibilità di fare la laminazione Bio, che prevede l’uso di composti a base di estratti vegetali. Questa procedura è costosa ed il suo effetto dura al massimo un mese.

Secondo la ricetta fai-da-te, la pellicola protettiva attorno ogni capello viene creata dalla gelatina. Potete diluirla con acqua semplice o decotto di erbe, che nutrirà e idraterà la chioma danneggiata.

Se i capelli sono troppo secchi potete aggiungere nella maschera di gelatina oli vegetali naturali: di bardana, d’oliva, di ricino.

Il procedimento è seguente:

  • Lavate bene i capelli, asciugateli e pettinateli.
  • Diluite in acqua gelatina di buona qualità senza aggiunte in parti 1:3 e scaldatela a bagnomaria fino al completo scioglimento dei cristalli.
  • Quindi potete aggiungervi un cucchiaino del vostro olio vegetale preferito e qualche goccia di olio essenziale: di cannella, ylang-ylang, rosmarino.
  • Con un pennello da colorazione applicate la soluzione di gelatina sui capelli asciutti, lasciando 2-3 centimetri dalle radici.
  • Mette la cuffia e coprite la testa a caldo con un asciugamano.
  • Scaldate la testa con un phon per 5-10 minuti e lasciate la maschera per mezz’ora.
  • Lavate i residui della maschera con acqua corrente tiepida senza lo shampoo.

Dopo la procedura, anche le chiome molto danneggiate dalle decolorazioni diventano più vive, flessibili e brillanti, si pettina meglio. Tuttavia, l’effetto delle prime procedure non è duraturo, ma cumulativo.

Potete fare la laminazione con la gelatina ogni 10-14 giorni. Dopo i primi due mesi fate necessariamente un intervallo di 3-4 settimane.

Cure adeguate

Lo stato di salute della chioma all’80% dipende da cure adeguate ed atteggiamento delicato. Nemmeno le migliori maschere professionali saranno in grado di rianimare i capelli che spesso subiscono messe in piega calde o vengono raccolti in code o trecce strette. Anche la pettinatura deve essere molto delicata.

Gli specialisti consigliano:

  • Suggerimenti per la cura dei capelliPer i lavaggi usate solo gli shampoo per capelli decolorati e danneggiati.
  • Usate i balsami per risciacquo con effetto idratante per neutralizzare i danni dovuti ai componenti aggressivi durante lavaggio.
  • Non esagerate con i prodotti riflessanti: seccano la chioma e possono causare la forfora.
  • Trattate le punte secche con olii per prevenirne lo sdoppiamento.
  • Ogni giorno usate spray senza risciacquo secondo necessità: idratanti, con filtri UV o a base di olii.
  • Prima di asciugare i capelli con aria calda o di fare una messa in piega calda applicate i prodotti per la protezione termica.
  • Se usate i prodotti per lo styling, lavateli o pettinateli via bene prima di coricarvi.
  • Fa molto bene un massaggio quotidiano alla testa, perché migliora la circolazione sanguigna, stabilizza il funzionamento delle ghiandole sebacee e previene la caduta dei capelli.
  • Per la pettinatura è preferibile una spazzola con setola naturale, perché pulisce meglio e danneggia meno la chioma.

Subito dopo la decolorazione vi consigliamo di fare un ciclo di terapia intensiva con maschere ricostituenti. Potete applicarle un giorno sì e un giorno no per 2-3 settimane. Quando lo stato di salute dei capelli sarà migliorato notevolmente potrete passare al regime normale, cioè 1-2 maschere a settimana. Di tanto in tanto cambiatene la composizione per evitare l’assuefazione.

Non dimenticatevi delle vitamine necessarie alla crescita veloce dei capelli sani. Se nella vostra dieta alimentare mancano frutta e verdura fresche, completatela con un ciclo polivitaminico di buona qualità. Questo atteggiamento complessivo aiuterà a rimettere in vita la vostra chioma, rendendola bella e sana.