Il lavaggio dei capelli con la birra: i pro e i contro

Si discute sempre sulla questione relativa a quali prodotti sono più benefici per i capelli: quelli casalinghi o quelli industriali? Ci sono sempre i pro e i contro. I prodotti professionali sono molto efficaci ma contengono tante sostanze chimiche all’interno. I prodotti casalinghi invece non contengono sostanze chimiche all’interno ma presentano alcuni svantaggi. Per esempio le nostre nonne utilizzavano la birra per lavare i capelli. Infatti i capelli erano morbidi, brillanti e si prestavano bene per una piega. Ma vale la pena utilizzare la birra oggi?

La composizione della birra

Il risultato del lavaggio dipende molto dalla qualità della birra che adesso è chiaramente diversa da quella che utilizzavano le nostre nonne. La birra naturale contiene veramente molti fermenti benefici e vitamine necessarie per la salute della capigliatura e della cute.

Però durante la pastorizzazione a cui ricorrono molti produttori di oggi, per prolungarne la scadenza, le sostanze benefiche vengono distrutte e tutto perde il senso. Ancora peggio quando la birra è economica quindi di scarsa qualità fatta semplicemente con una miscela di alcol, coloranti e aromi. L’effetto dopo un lavaggio sarà quasi sicuramente deludente.

La ricetta tradizionale della birra naturale prevede l’utilizzo di: luppolo, malto, acqua purificata, piccola quantità di zucchero e lievito. Il colore e il profumo della birra dipendono dal tipo di malto e dalla tecnologia della produzione.

Le proprietà benefiche

Grazie alle proprietà benefiche la birra fa veramente bene alla capigliatura ovvero:

  • Dona lucentezza ed elasticità;
  • Rinforza le radici, previene la caduta;
  • Accelera la ricrescita;
  • Rende i capelli più forti;
  • Restituisce la morbidezza.

Dopo l’utilizzo della birra i capelli reggono meglio la piega. Ecco perché la birra per i capelli andava molto negli anni 20 quando i capelli ricci e le onde erano in voga. Anche perché i prodotti per lo styling erano pochissimi: vaselina, brillantina e talco. Quindi la birra era un prodotto indispensabile.

Tuttavia se avete deciso di lavare i capelli con la birra sappiate che pur essendo un prodotto naturale e benefico non sostituisce lo shampoo in quanto non contiene l’alcali ovvero il componente principali dei saponi e dei detergenti che sciogli la sporcizia e il sebo. Perciò la birra viene utilizzata non proprio per lavare ma per sciacquare i capelli. Anche lo sciacquo va fatto in modo giusto.

Gli svantaggi della birra

Abbiamo già parlato delle proprietà benefiche della birra, adesso passiamo agli svantaggi. Per scoprirne di più potete trovare le opinioni su internet delle donne che hanno già provato questo metodo. Le opinioni negative segnalano il seguente:

  1. L’odore. È lo svantaggio principale in quanto i capelli assorbono tutti gli odori. L’odore della birra, anche di quella naturale di qualità, non è gradevole e può rimanere sui capelli perfino dopo il successivo lavaggio.
  2. L’effetto appiccicoso. Se la birra non è naturale ma con delle aggiunte lasica spesso la sensazione di qualcosa appiccicoso. I capelli sembrano sporchi e grassi anche se si pettinano abbastanza facilmente. Però se fate le onde non c’è bisogno di fissarle con la lacca – reggeranno bene anche nel caso di umidità elevata.
  3. La perdita del volume. Per esempio, durante il lavaggio il luppolo lascia un velo sottile sui capelli che li protegge e gli dona lucentezza si possono appesantire. Perciò i capelli sottili perdono subito il volume e può anche sembrare che siano di meno.

Se dopo l’utilizzo della birra sciacquate i capelli con l’acqua questi effetti negativi spariscono ma si diminuiscono anche gli effetti positivi. Perciò bisogna fare la scelta: siete pronte ad accettare i difetti della birra?

Lavare in modo giusto

Per chi ha deciso di utilizzare la birra ecco alcuni suggerimenti:

  • Il lavaggio dei capelli con la birraPer il lavaggio bisogna prendere solo la birra fresca naturale in quanto contiene la quantità maggiore della sostanze benefiche ed è priva di conservanti.
  • Prima di utilizzare la birra bisogna lavare i capelli con lo shampoo quotidiano come da abitudine e sciacquare con l’acqua (senza il balsamo).
  • Tamponare i capelli con l’asciugamano dopodiché sciacquare con la birra precedentemente riscaldata un po’.
  • Lasciare scendere la birra dai capelli e nel frattempo massaggiare il cuoio capelluto per 3-5 minuti.

Dopo bisogna decidere se sciacquare con l’acqua oppure lasciare asciugare con la birra. L’utilizzo del phon aumenterà l’odore però così si può mettere subito in piega i capelli. Se avete del tempo potete utilizzare i bigodini – avrete le onde fino al lavaggio successivo.

I risultati si vedono già dopo primo utilizzo della birra. I capelli diventano morbidi e lucidi, si curano le doppie punte. Con il tempo la crescita dei capelli accelererà grazie alle vitamine del gruppo B, la pectina e i fermenti contenuti nella birra.

Le maschere alla birra

Molte donne che hanno provato a lavare i capelli con la birra concludono comunque che questo metodo ha più svantaggi che i vantaggi in quanto è impegnativo e l’odore della birra dà molto fastidio e rimane a lungo.

Un metodo alternativo più accettabile sono le maschere alla birra. Esse funzionano benissimo in quanto rimangono sui capelli 30-120 minuti ma comunque vengono sciacquate. Ecco alcune ricette delle maschere alla birra.

All’olio

Questa maschera è adatta ai capelli schiariti, molto secchi, danneggiati dalle colorazioni o dalle permanenti. Per prepararla bisogna prendere un mezzo litro di birra, aggiungere un cucchiaio d’olio di bardana e un cucchiaio d’olio di ricino. Applicare il composto sui capelli, coprire con la cuffia e lasciare per 1-3 ore. Sciacquare con dell’acqua tiepida utilizzando lo shampoo.

Considerate con questa maschera utilizzata spesso provoca la perdita del colore e la schiaritura dei capelli di 1-3 toni! Ma allo stesso tempo restituisce la lucentezza e dona la liscezza ideale.

Il lavaggio dei capelli con la birra: i pro e i controAll’uovo e yogurt

È una maschera nutriente per i capelli deboli, sottili, tendenti alla caduta. Sbattere un tuorlo con un mezzo bicchiere di yogurt o di panna acida. Mescolando unire questo composto a un bicchiere di birra tiepida (preferibilmente quella scura).

Applicare la maschera sulle radici, massaggiare per 3-5 minuti, distribuire su tutta la lunghezza. Coprire la testa con la cuffia e lasciare per 1-2 ore. Sciacquare con l’acqua tiepida utilizzando lo shampoo.

Al miele e cannella

Prendere un mezzo litro di birra e diluirci un cucchiaio di miele naturale e un cucchiaino di cannella. Applicare la maschera sulle radici massaggiando, dopodiché pettinare utilizzando un pettine largo a pochi denti.

Le controindicazioni: il cuoio capelluto non integro, la psoriasi, l’ipertonia.

Questa maschera fa bene all’accelerazione della crescita dei capelli e alla prevenzione della loro caduta. Essa migliora la circolazione capillare, rinforza e nutre le radici, previene i capelli bianchi prematuri.

Alle erbe

Mettere in un eccipiente di vetro un cucchiaio di pigne (per intenderci) di luppolo, un cucchiaio delle radici di bardana macinate. Aggiungere un mezzo litro di birra tiepida, lasciare per una notte e passare con il colino. Immergere i capelli nel composto e dopo 15-20 minuti sciacquare con l’acqua senza utilizzare lo shampoo.

La miscela della birra con delle erbe fa bene a tutti i tipi di capelli e anche ai capelli sani. È un nutrimento naturale che contribuisce al rinforzamento dei capelli e alla salute del cuoio capelluto. Inoltre è una buona prevenzione della forfora e delle doppie punte.

Alla cipolla

Questa è una ricetta per le donne più coraggiose che non hanno paura degli odori. Questa maschera già dopo un paio di settimane di utilizzo riesce a fermare la perdita dei capelli e rinforzarli di molto.

Prendere una cipolla grande, grattugiarla e con l’aiuto della garza separare il succo. Aggiungere al succo un cucchiaio di miele e un bicchiere di birra tiepida.

Applicare la maschera sulle radici massaggiando per 3-5 minuti, distribuire anche sulle lunghezze. Lasciare per 20-30 minuti ma nel caso di bruciore forte sciacquare prima.

L’efficacia di queste maschere è stata confermata da tutte le donne che le hanno provate. È un’alternativa ai lavaggi con la birra, non c’è bisogno di lasciare la birra sui capelli in modo da evitare l’odore sgradevole.

Dopo il trattamento utilizzate i prodotti senza solfati per almeno 3 giorni. Andrebbe bene lo shampoo “L'Oréal Botanicals”, per un effetto migliore aggiungete il balsamo “Botanicals Lavanda” o la maschera “Botanicals Maschera”.