Solfati negli shampoo ed il loro effetto sul corpo

Nella scelta dei prodotti per il lavaggio dei capelli, il consumatore incontra una vasta offerta di merci. I produttori promettono non solo una pulizia efficace delle impurità, ma anche una cura premurosa della chioma. Ma è davvero così? La maggior parte degli shampoo contiene sostanze nocive per l’organismo, le più discusse fra queste sono i solfati.

Chiariremo se sono davvero così nocivi come vengono descritti, che cosa fanno e cosa si può usare per sostituirli.

Cosa sono i solfati?

Probabilmente avete già sentito tante volte che i solfati sono uno dei componenti più nocivi presenti negli shampoo. I mass media cercano di convincerci che queste sostanze non solo hanno un effetto negativo sui capelli, ma anche sullo stato di salute in generale.

Che cosa sono i solfati? Sono agenti tensioattivi. Sono loro a rendere i prodotti domestici (gel purificanti per il viso, detersivi in polvere o liquidi per bucato, detersivi per i piatti, etc.) schiumeggianti. Un altro nemico “temibile” dell’organismo, secondo i media, sono i parabeni. Queste sostanze hanno proprietà fungicide e battericide, agiscono come conservanti. Inizialmente queste sostanze venivano estratte da un decotto di mirtillo e mirtillo rosso, ma presto è stato scoperto come riprodurli dai materiali sintetici.

Indicazione dei solfati tra gli ingredienti degli shampoo

Per riconoscere il “nemico” tra decine di altri componenti indicati sulla confezione, bisogna sapere come viene indicato. Più spesso si usano le seguenti sostanze:

  • Solfati negli shampoolaurilsolfato di sodio (sodium laurel sulfate) o SLS: è un prodotto di lavorazione dell’industria chimica, che i produttori poco onesti a volte dichiarano come estratto “dall’olio di cocco”;
  • lauril solfato di ammonio (ammonium lauryl sulfate) o ALS, anche noto come ammonium laureth sulfate o ALES: ha ottime proprietà detergenti, purificanti, umidificanti e sgrassanti.

I componenti del primo gruppo vengono usati negli shampoo più costosi, il secondo gruppo invece si trova negli shampoo più economici, perché le spese per la produzione sono minori. Sono sempre indicati sulla confezione. Prima si trovano nella lista degli ingredienti, più alta è la loro quantità nel prodotto.

Potete trovare questi agenti chimici anche nei dentifrici, quindi studiate attentamente la composizione di ogni prodotto cosmetico.

Danni e benefici

Sono stati scritti tantissimi articoli sulla nocività dei solfati e parabeni negli shampoo, sono state effettuate molte ricerche, che smentiscono o confermano il rischio letale derivante dall’uso dei cosmetici.

È stato scientificamente provato che queste sostanze non hanno alcun effetto negativo sull’organismo, se i prodotti che le contengono sono usati correttamente. I solfati sono dannosi se la loro quantità nel prodotto cosmetico supera il 2%. Oggigiorno questi prodotti in vendita semplicemente non si trovano, perché il loro utilizzo in certi settori è rigorosamente limitato.

Perché shampoo contengono solfatiPer di più, questi agenti chimici hanno anche alcuni vantaggi:

  • aiutano a formare una schiuma forte;
  • eliminano perfettamente il grasso, prodotto dalle ghiandole sebacee;
  • eliminano ogni tipo di impurità;
  • non causano danni all’organismo ed ai boccoli, se la loro concentrazione nei prodotti non è alta e le sostanze vengono lavate via completamente.

Se siete allergici ad almeno uno dei solfati, la reazione negativa vi è garantita. I componenti possono essere nocivi anche nel caso di loro alta concentrazione (shampoo per i capelli oleosi), o se non riuscite a lavarli via completamente dal cuoio capelluto e dai boccoli.

In tal caso, le sostanze si infiltrano nel sangue attraverso il derma, si accumulano e possono causare le seguenti reazioni negative:

  • allergia;
  • secchezza del cuoio capelluto, prurito, desquamazione e, di conseguenza, forfora;
  • deperimento dei follicoli e caduta dei capelli;
  • sovraessiccazione dei boccoli, che li rende fragili e stratificati;
  • abbassamento delle difese immunitarie locali e generali;
  • aumento di oleosità alle radici, che causa la necessità di lavare la testa più spesso;
  • problemi al fegato, perché tutte le sostanze chimiche vengono espulse attraverso il fegato.

Come sostituirli?

Per quello che nella composizione di shampoo vengono usati solfatiMolti si stanno chiedendo perché usare un prodotto nocivo se esistono prodotti analoghi assolutamente innocui e naturali? In realtà, nei negozi specializzati si possono trovare cosmetici organici, dove al posto degli agenti tensioattivi aggressivi vengono utilizzati digliceridi e monogliceridi, anziché parabeni si usano acidi citrico e sorbico.

Questi shampoo sono perfetti per gli individui affetti da allergie, per le donne con capelli indeboliti e fragili, per le persone con malattie sistemiche serie.

Vediamo i rimedi che possono facilmente e con massimi benefici sostituire i prodotti chimici.

Kapous

Gli shampoo di questo famoso marchio di prodotti professionali per la cura dei capelli vengono usati sia a casa che nei saloni di bellezza. Non contengono sostanze chimiche aggressive, che potrebbero accumularsi nei boccoli o nel corpo, non alterano il livello pH naturale del cuoio capelluto, riducono al minimo il rischio di apparizione della forfora e della caduta dei boccoli.

Come i solfati influenzano il cuoio capellutoNella composizione è presente la biotina, vitamina che avvia la produzione di cheratina e la sintesi di proteina. La linea di shampoo presenta prodotti per ogni necessità dei capelli, il loro consumo è economico, hanno un profumo piacevole e non danneggiano la salute.

Vitamino Color da L’Oréal

Il rimedio di L’Oréal è stato creato per l’utilizzo nei saloni di bellezza, ma può essere usato anche a casa. Il produttore ha deciso di creare un prodotto per persone con il cuoio capelluto ipersensibile o affette da allergie.

Nella composizione sono inclusi solo componenti detergenti delicati e sicuri, che eliminano la polvere, le impurità ed il sebo cutaneo senza alterare i processi metabolici nel derma.

Gli specialisti sono riusciti a creare uno shampoo senza solfati che schiuma bene, ed è molto importante per i consumatori. Dopo l’utilizzo di questo prodotto la chioma diventa morbida, liscia e curata, le punte non si arruffano.

Shwarzkoph

Questo marchio offre due rimedi senza componenti nocivi. Se avete sottoposto i vostri boccoli a colorazioni con tinture permanenti o alla stiratura, vi consigliamo di scegliere il Bonacure Color Freeze Sulfate-Free Shampoo. Questo prodotto vi aiuterà a prevenire i danni ai boccoli, li rivitalizzerà, renderà più luminosi e sani.

Effetto del solfato sul cuoio capellutoUn altro prodotto per le donne che sognano di mantenere il colore dei capelli intenso e luminoso più a lungo possibile è l'Essensity Color & Moisture Shampoo. Lo shampoo idrata i boccoli ed il cuoio capelluto, previene la perdita di umidità dalle strutture interne, rafforza le radici, “sigilla” i pigmenti e non permette il loro dilavamento.

Natura Siberica

È un marchio russo che offre prodotti relativamente economici ma di buona qualità, che non contengono sostanze nocive. I cosmetici naturali non causano allergia e hanno un effetto pienamente positivo sui boccoli e sul cuoio capelluto.

Tutti gli shampoo sono arricchiti con estratti di erbe officinali siberiane. Si crede che materie prime coltivate in condizioni ambientali severe abbiano una concentrazione maggiore di sostanze benefiche.

Ci sono prodotti per risolvere problemi di diversa natura:

  • ricostituzione dei capelli indeboliti;
  • controllo dell’attività delle ghiandole sebacee per eliminare l’effetto “testa sporca”;
  • ricostituzione dei boccoli danneggiati dalle colorazioni.

Particolari di utilizzo

Perché i solfati sono nello shampooPrima di passare agli shampoo senza solfati chiedetevi se potete farlo senza disagi. Fatto sta che la sostituzione di componenti chimici con quelli naturali rappresenta un certo stress per i boccoli. Se vi accorgete che le impurità non si lavano così bene, dovrete applicare lo shampoo più di una volta.

Dopo il lavaggio i capelli non saranno subito lisci ed ubbidienti, avranno bisogno di tempo per riprendersi. I vostri cosmetici con solfati garantivano risultati molto più evidenti perché agivano solo sulla superficie dei boccoli, invece i prodotti naturali li curano dall’interno.

Cambiando il detergente dovete essere pronti a riscontrare i seguenti particolari:

  • Fanno poca schiuma: per far in modo che il rimedio schiumi meglio, bagnate bene la testa, versate un po’ di shampoo sul palmo della mano, diluite con acqua fina ad avere le bollicine e solo dopo distribuitelo sui boccoli ed il cuoio capelluto.
  • Il risultato del lavaggio non è sempre soddisfacente: gli shampoo senza solfati non eliminano il sebo così bene come fanno gli analoghi chimici, quindi sono difficili da usare soprattutto se avete i capelli oleosi.
  • Non sono in grado di lavare via le maschere a base di olii: per farlo, utilizzate uno shampoo normale per la pulizia profonda.
  • I boccoli diventano duri: è un problema che si riscontra appena si comincia ad usare i cosmetici senza solfati. Siccome questi prodotti non contengono silicone o altri componenti che appesantiscono, i boccoli possono sembrare trascurati. Per evitarlo fate risciacqui con acqua acidificata con aceto di mele.

Shampoo bezsulfateConclusioni

Nonostante tutte le difficolta che si manifestano nel passaggio ai cosmetici naturali, con il passare del tempo questo porta a risultati formidabili. Quando i boccoli inizieranno a ricostituirsi, noterete che diventeranno forti e luminosi. Non avrete più bisogno di praticare regolarmente le procedure da salone di bellezza per rafforzare e proteggere i capelli, che non sono sempre così utili come vengono descritte ed hanno un costo elevato.

Per di più, gli shampoo naturali sono un ottimo investimento sulla salute, perché non causano malattie gravi dopo qualche anno. Usate solo prodotti fidati per le cure di bellezza della chioma.

Dopo il trattamento utilizzate i prodotti senza solfati per almeno 3 giorni. Andrebbe bene lo shampoo “L'Oréal Botanicals”, per un effetto migliore aggiungete il balsamo “Botanicals Lavanda” o la maschera “Botanicals Maschera”.