Maschera all’avena per capelli: ricette e segreti

Oggi nella cosmetologia popolare si usano tutti i prodotti possibili ed immaginabili. Le ricette moderne includono molti ingredienti sia regolari che esotici, quali gli estratti delle piante medicinali, gli oli naturali ed essenziali costosi, polpa e succo di frutti tropicali ed altro. Prima, invece, si usavano i componenti molto più semplici, tra i quali anche l’avena. Applicata correttamente e regolarmente una maschera all'avena per i capelli può dare i risultati davvero meravigliosi.

Il suo segreto

Maschera all'avena per capelliIl segreto dell’efficacia della maschere all’avena è un’unica composizione chimica dei chicchi. L’avena contiene tantissimi componenti benefici per la salute della chioma e della cute:

  • Aminoacidi insostituibili – sono il materiale costitutivo del capello.
  • Sali minerali – di fosforo e di calcio, essi rinforzano il fusto del capello.
  • Vitamine: gruppo B, PP, A, E – accelerano i processi metabolici e migliorano il nutrimento cellulare.
  • Amido – è una fonte di energia per le cellule, rimuove l’eccesso del sebo in maniera efficace.
  • Grassi saturi ed insaturi – rendono la chioma brillante e la proteggono dai fattori aggressivi esterni.
  • Microelementi: zinco, cromo, silicio, rame – migliorano la qualità e la struttura dei capelli.
  • Tirosina – una sostanza che stimola la produzione di melanina e previene l’incanutimento precoce.
  • Colina – possiede delle potenti proprietà antinfiammatorie ed antiossidanti.

Inoltre, grazie al contenuto alto di cellulosa una maschera all’avena funziona anche come peeling sul cuoio capelluto purificandolo dalle micro particelle di impurità e dalle cellule morte.

Azione della maschera

Grazie alla sua composizione ricca, la maschera all’avena ha un impatto complesso sui capelli ed è capace di dare i risultati seguenti:

  • rifornisce la cute ed i bulbi con il nutrimento extra;
  • attiva la crescita dei capelli;
  • previene e ferma la loro caduta;
  • purifica la pelle dalle cellule morte;
  • lenisce infiammazione e irritazione;
  • elimina la forfora ed il prurito;
  • idrata la cute ed i capelli;
  • approfondisce il tono;
  • elimina la fragilità e secchezza;
  • cura le doppie punte;
  • normalizza l’attività delle ghiandole sebacee;
  • toglie la sensazione sgradevole dell’unto.

Si può concludere che le maschere all’avena sono adatte per ogni tipo di capello. Il compito principale è applicarle regolarmente e selezionare gli ingredienti supplementari giusti.

Segreti dell’avena

Per ottenere il miglior risultato dalla terapia all’avena bisogna sapere alcuni segreti di questo prodotto e preparalo correttamente. È consigliato acquistare i chicchi interi sbucciati che si vendono nei reparti dei prodotti bio dei supermercati. Oppure potete optare per i fiocchi d’avena pressati senza i gusti aggiunti.

I chicchi interi sono scomodi da utilizzare nelle maschere e perciò si devono macinare fino alla consistenza della polvere con il frullatore oppure nella macchinetta macinacaffè. Potete comprare direttamente la farina di avena. Tuttavia, è molto importante utilizzare un ingrediente fresco e conservarlo in modo giusto: a temperatura ambiente in un barattolo ermetico di vetro.

Seguite anche gli altri consigli sulla preparazione ed applicazione delle maschere:

  • La farina di avena non si scioglie bene nell’olio, quindi prima la dovete unire con gli ingredienti liquidi.
  • È più comodo applicare il composto pronto con una spugna cosmetica anziché con il pennello, oppure prendetelo con le mani e spargete sulla chioma pettinando con un pettine a denti radi.
  • Per migliorare le proprietà del rimedio dovete coprire la testa, prima con una cuffia di plastica e poi avvolgere la testa con l’asciugamano di spugna.
  • Il tempo di posa varia da 30 minuti a 2 ore, però dovete stare attente a non lasciare il composto asciugare completamente.
  • Se la maschera si è asciugata, bagnate la chioma con le mani oppure spruzzando l’acqua dal polverizzatore e solo dopo 2-3 minuti lavarla via.
  • Sotto l’acqua calda la farina si avena si appiccica, per cui la dovete lavare via solamente sotto l’acqua fresca.
  • Non potete aggiungere la gelatina nelle maschere all’avena, essa renderà il tono dei capelli spento anche se li levigherà tutti.
  • Se la ricetta contiene un ingrediente grasso, esso si rimuoverà dai capelli anche senza shampoo.
  • Si possono neutralizzare i residui della maschera con i risciacqui all’acqua acidificata, però sappiate che quest’ultima secca leggermente i capelli.

Per scopo curativo potete preparare le machere all’avena una volta ogni due giorni. Esse non irritano la cute e non provocano l’assuefazione.

Se avete una chioma sana per mantenere la sua salute e nutrire le radici, sarà sufficiente utilizzare l’avena per i capelli una volta ogni 7-10 giorni ed alternarla con gli altri rimedi per la cura sia naturali che commerciali.

Ricette migliori

Lo scopo principale della maschera è nutrire le radici e risolvere i problemi tricologici presenti. Per questo bisogna selezionare gli ingredienti della ricetta in modo individuale. 

Per iniziare si può provare ad usare le ricette pronte. Dopo di che sapendo come si comportano i capelli ed il cuoio capelluto e quali sono le proprietà degli altri prodotti si può tranquillamente modificare la composizione. Ricette migliori maschera all'avena

1. Tradizionale

È sempre consigliato iniziare dalla ricetta di base. Se avete i capelli secchi sciogliete l’avena nel latte tiepido, per i capelli normali e grassi semplicemente nell’acqua. La temperatura si deve aggirare intorno a 40-45 gradi, il composto deve avere la consistenza di una crema densa.

Applicate la maschera prima sulle radici, massaggiate delicatamente il cuoio capelluto, quindi stendete i residui sulla lunghezza, avvolgete la testa e lasciate il rimedio in posa da 30 minuti fino a 2 ore. Applicata regolarmente la maschera leviga i capelli, li rende lisci e luminosi, fortifica le radici, accelera la crescita e perfino sarà in grado di infoltire la chioma.

2. Al miele

Il miele è una vera miniera naturale che contiene più di 200 elementi e composti organici. Esso migliora ancora l’impatto dell’avena e penetra profondamente la struttura del fusto del pelo. In più il miele rafforza i capillari attivando la circolazione sottocutanea del sangue. Le radici ricevono l’extra nutrimento e si svegliano i follicoli piliferi dormienti.

Sciogliete due cucchiai della farina di avena nell’acqua o nel latte, aggiungete un cucchiaio di miele liquido di qualità alta. Per i capelli gravemente danneggiati aggiungete anche due fiale di estratto di aloe e mescolate tutto bene. Applicate sulle radici e poi spargete sulla lunghezza. Lasciate agire per almeno un’ora.

3. Al kefir

Questa maschera è unica, in quanto si può utilizzare al posto di uno shampoo per la pulizia profonda dei capelli. In questa situazione è consigliato prendere i chicchi macinati anziché la farina. Su due cucchiai versate mezzo bicchiere di kefir e lasciate in infusione per 1-2 ore, oppure per una notte intera.

Applicate il composto sui capelli sporchi, raccoglieteli tutti sotto la cuffietta per la doccia (altrimenti la maschera scolerà), avvolgete la testa e lasciate agire da 30 minuti a 1-2 ore. Per migliorare ancora l’effetto e donare alla chioma un profumo piacevole, potete aggiungere anche qualche goccia del vostro olio essenziale preferito. Lavate via senza shampoo solo con l’acqua tiepida, alla fine sciacquate con l’acqua fresca.

4. All’uovo

È un composto nutriente per i capelli privi di vitalità, indeboliti, tendenti a cadere. È adatto per ogni tipo di capello. Non lascia l’unto sulla chioma. Si lava via facilmente solo con l’acqua. Pure questa ricetta può essere usata al posto di uno shampoo.

Sbattete un uovo (o solo un tuorlo) con un cucchiaio di miele e la stessa quantità di cognac fino ad ottenere una schiuma bianca omogenea. Sciogliete l’avena nell’acqua ed aggiungete gradualmente il composto liquido, alla fine mettete un cucchiaino di olio di ricino. È consigliato massaggiare la maschera sulle radici. Lasciate in posa per 1-2 ore.

Conclusione

Secondo le opinioni delle donne che hanno provato almeno una volta una maschera all’avena fatta in casa, essa è molto efficace. L’unico problema è lavarla via. Però se sapete come farlo in modo giusto, sarà facile togliere i residui. Il risultato si vede già dopo la prima applicazione e con ogni seduta successiva si migliora ancora.

Se non avete tempo e desiderio di mettervi a preparare, potete comprare qualche maschera all’avena in un negozio. Le maschere commerciali contengono tanti componenti naturali, però ci sono anche gli elementi chimici. Quindi ognuna deve fare una scelta propria: la comodità o la composizione bio al 100%. Comunque grazie a tale cura, i capelli diventeranno più lisci e brillanti a specchio.

Dopo il trattamento utilizzate i prodotti senza solfati per almeno 3 giorni. Andrebbe bene lo shampoo “L'Oréal Botanicals”, per un effetto migliore aggiungete il balsamo “Botanicals Lavanda” o la maschera “Botanicals Maschera”.