Polvere decolorante per capelli: la scelta e l’applicazione

Spesso le donne subiscono la procedura della schiaritura dei capelli, anche se non hanno mai voluto diventare bionde. Essa può servire per passare dal tono scuro della chioma a quello più chiaro, per effettuare le mèches oppure per riuscire a colorare di nuovo i capelli già tinti prima. Gli agenti schiarenti vengono utilizzati per la decolorazione e la mordenzatura dei capelli grigi ispidi, danneggiando, però, la chioma in modo più o meno grave. Tuttavia ora è possibile ridurre i danni al minimo applicando il rimedio moderno, cioè la polvere decolorante per capelli.

Attenzione! Proteggete voi e le vostre famiglie dal Coronavirus

La composizione ed il principio dell’azione

Polvere per schiarire i capelliIl principio attivo principale della polvere è l’ossidante che può essere delicato oppure molto forte. Quando la polvere viene sciolta nel liquido attivatore o nell’acqua, l’ossidante inizia a liberare le molecole di ossigeno che distruggono il pigmento colorante nella struttura del capello. Allo stesso tempo viene smosso lo strato superficiale di cheratina e si formano gli spazi vuoti dove prima c’era il pigmento. Il capello diventa più poroso e fragile e perde il suo look lucido se le squame non ritornano al loro posto.

La composizione della polvere di tutti i marchi è più meno uguale. Gli ingredienti principali sono:

  • perossido di idrogeno – l’ossidante principale, la cui potenza dipende dalla sua concentrazione (solitamente 9-12%);
  • persolfati – dell’ammoniaca che si distinguono grazie all’odore tipico, tuttavia, nei prodotti nuovi di alta qualità sono sostituiti con i collegamenti di solfato di potassio e sodio (questo non salva la chioma dai danneggiamenti, però almeno elimina la puzza);
  • collegamenti protettivi – servono per mantenere il livello necessario di acidità durante tutta la reazione chimica, essi possono variare.

Al solito la polvere è di colore azzuro oppure lilla, poiché contiene anche i pigmenti neutralizzanti del tono giallastro. Alcuni prodotti includono pure gli aromi.

La scelta della polvere

La polvere decolorante per capelli sta diventando più e più popolare. Tanti parrucchieri esperti preferiscono utilizzare la polvere invece della tinta classica, e anche tante donne adesso la comprano per uso domestico. Questo fatto si spiega facilmente.

La polvere ha più vantaggi a differenza delle tinture comuni. Oggi la scelta dei prodotti è abbastanza vasta ed i consumatori hanno anche la possibilità di trovarne uno conveniente per loro, in quanto c’è una grande varietà dei marchi e prezzi. Inoltre, secondo le opinioni delle donne, sono più facili e veloci da applicare.

I vantaggi

A differenza delle solite tinte per capelli, le polveri decoloranti moderne non contengono l’ammoniaca ed i suoi derivati. Perciò esse non hanno questo tipico brutto odore ed allo stesso tempo causano meno danni ai capelli. Certamente, se vengono applicate correttamente.

Alcuni agenti includono una formula super attiva, quindi richiedono una percentuale più alta dell’ossidante e distruggono il pigmento (insieme ai capelli) molto più velocemente. Questi prodotti sono pensati per la decolorazione rapida e sono adatti per uso solamente professionale.

Altri vantaggi della polvere decolorante per capelli sono:

  • viene molto più facile e veloce stendere la polvere sulla lunghezza dei capelli garantendo la colorazione in maniera uniforme;
  • sempre contiene il pigmento blu o viola che neutralizza il tono giallo sgradevole direttamente e durante il processo di decolorazione;
  • in una seduta è possibile schiarire la chioma di 5-7 toni senza distruggerla completamente.

Tuttavia, visto che la polvere ha l’azione così rapida la decolorazione può anche risultare problematica, in quanto si deve sempre tenere il processo sotto controllo, non ci si può distrarre per un attimo durante la reazione chimica attiva. Bisogna mantenere il livello di umidità, perché la polvere secca non funziona. Il momento più importante è quando si ottiene il tono desiderato e si deve lavare il prodotto via subito.

I migliori prodotti

È difficile dire quale polvere è migliore, ogni parrucchiere avrà il suo brand preferito. Qui sotto ci sono gli esempi dei migliori prodotti dei marchi conosciuti:

  1. Scegli una polvere per schiarire i capelli“Matrix” Light Master – l’agente professionale capace di schiarire di 8 toni, però ha l’azione così delicata che è anche adatto per i capelli danneggiati e precedentemente già decolorati, è possibile utilizzare con la carta stagnola.
  2. “Londa” Blonding Powder – dona un bel colore biondo senza nessun tono giallo anche sui capelli grigi ispidi, il rimedio abbastanza aggressivo anche se contiene i componenti idratanti.
  3. “L’Oréal” Blond Studio Powder – l’agente molto potente con l’ammoniaca, è in grado di schiarire pure i capelli molto scuri fino a 8 toni, però richiede molta attenzione e cura durante l’applicazione.
  4. “Testanera” Igora Vario Blond – da la possibilità di usare anche l’ossidante al 3%, schiarisce al massimo di 7 toni, è una polvere senza l’ammoniaca con un odore piacevole.
  5. “Wella” Blondor – è stato pensato per la chioma scura ispida, li può decolorare fino a 6-8 toni, richiede un ossidante potente, in compenso dona degli ottimi risultati senza il giallo, non è adatto ai capelli fini ed indeboliti.

Gli altri produttori pure hanno la polvere decolorante nelle loro linee cosmetiche per capelli. La popolarità di questo agente aumenta, quindi i nuovi prodotti non mancano in commercio. Tuttavia, se tenete alla sicurezza della vostra chioma, non risparmiate e non fate gli esperimenti con quelli economici.

Certamente, il prezzo dei marchi famosi è più alto, però in compenso essi garantiscono un ottimo risultato senza nessuna sorpresa inaspettata. Inoltre, se tutte le istruzioni vengono rispettate il pericolo di danneggiare la chioma si riduce a zero.

State attente: quando effettuate l’acquisto non confondete la polvere con altri prodotti che le assomigliano. Oggi in commercio si trovano anche le polveri volumizzanti per capelli e perfino per la colorazione in toni vivaci.

Modalità d’uso

La modalità di applicazione della polvere decolorante è quasi uguale alla procedura della colorazione comune. Le proporzioni per scioglere la polvere sono indicate nel foglio illustrativo, al solito sono 1:2. La tecnica si svolge nel modo seguente:

  • La polvere viene sciolta in un contenitore non di metallo (meglio di vetro o ceramica) fino ad ottenere la consistenza necessaria.
  • La chioma viene pettinata accuratamente e quindi divisa in zone (oppure preparata per effettuare le mèches).
  • Le ciocche vengono trattate con il composto decolorante alla distanza di almeno 2 cm dalle radici.
  • Dopo 10-15 minuti il composto viene applicato anche sulle radici.
  • Appena il tono desiderato è ottenuto, il decolorante viene lavato via prima con l’acqua corrente e poi con lo shampoo.

Dopo la procedura è obbligatorio applicare una maschera nutriente sui capelli umidi per diminuire l’impatto negativo dell’agente e calmare il cuoio capelluto. La maschera viene lasciata in posa per mezz’ora, quindi viene lavata via. Adesso si possono asciugare le ciocche col phon e fare lo styling.

Le precauzioni

Nonostante la polvere decolorante sia considerata più delicata dei prodotti all’ammoniaca, in realtà il risultato dipende dalla capacità di applicarla correttamente. Altrimenti è possibile danneggiare gravemente sia i capelli che perfino il cuoio capelluto.

Per questo gli esperti consigliano di rispettare le precauzioni seguenti:

  • Come applicare la polvere per schiarire i capellicercare di far venire a contatto il meno possibile il composto col cuoio capelluto;
  • curare la chioma molto secca e danneggiata prima di usare la polvere decolorante;
  • per i capelli precedentemente tinti, indeboliti e fini utilizzare la minima percentuale dell’ossidante;
  • non iniziare la procedura della schiaritura subito dalla zona delle radici, in quanto si possono danneggiare i follicoli dei capelli;
  • controllare sempre come procede il processo di decolorazione per lavare il composto via in tempo;
  • effettuare la decolorazione con la polvere senza usare la carta stagnola ed il cellophane.

Questo prodotto è adatto per creare i riflessi chiari sui capelli. In questo caso esso viene applicato con il pennello solamente sulle ciocche oppure in zone scelte della chioma.

Evitate il contatto della polvere con gli occhi e le vie respiratorie, in quanto essa può provocare ustioni delle mucose! Tenete lontano dai bambini!

La cura successiva

I capelli vengono danneggiati dopo qualsiasi tipo di schiaritura. Ed almeno le prime due settimane dopo la procedura hanno bisogno della cura ricostituente intensiva.

L’obiettivo principale sarà reidratare le ciocche secche e far ritornare le squame smosse di cheratina ai loro posti, perché si formi di nuovo uno strato protettivo solido.

Se la decolorazione viene effettuata su tutta la lunghezza cominciando dalle radici, bisognerà curare anche il cuoio capelluto. Gli agenti schiarenti lo irritano e lo privano del sebo.

Rispettate le seguenti regole per riparare rapidamente la chioma e la pelle:

  • Polvere chiarificante per capelliusate gli shampoo adatti per i capelli danneggiati oppure colorati;
  • dopo ogni shampoo applicate il balsamo con l’effetto idratante;
  • due volte alla settimana applicate le maschere nutrienti – esse sono molto salutari per capelli e cuoio capelluto, in quanto contengono le vitamine, gli oli naturali ed estratti vegetali;
  • non fatevi lo styling a caldo almeno per due settimane, e quando vi asciugate col phon impostate la temperatura più bassa;
  • utilizzate gli agenti per lo styling meno possibile, sopratutto quelli che contengono l’alcool;
  • 2-3 volte alla settimana applicate gli oli speciali per le punte;
  • prima di uscire al sole sempre usate lo spray col filtro UV;
  • se col tempo emerge il tono giallo, non c’è bisogno di decolorare di nuovo la chioma – sarà sufficiente tonalizzarla con lo shampoo o balsamo argento speciale.

Se non vi piace il colore finale dei capelli e lo volete cambiare, utilizzate i balsami tonalizzanti (è possibile farlo anche lo stesso giorno!) oppure aspettate almeno 2-3 settimane per colorarli di nuovo con una tinta permanente.

Si può usare l’hènne o qualsiasi altra tinta naturale non prima di 3-4 settimane dopo la decolorazione, in quanto il pigmento naturale in combinazione con gli agenti chimici della tintura possono donare ai vostri capelli un tono imprevedibile e pure difficile da eliminare.

Dopo il trattamento utilizzate i prodotti senza solfati per almeno 3 giorni. Andrebbe bene lo shampoo “L'Oréal Botanicals”, per un effetto migliore aggiungete il balsamo “Botanicals Lavanda” o la maschera “Botanicals Maschera”.