La varietà dei pettini e le loro caratteristiche, come scegliere

In antichità per mettere i capelli in ordine venivano usate le ossa dei pesci, i rami delle piante spinose ed altri oggetti a portata di mano. In Europa le donne hanno iniziato ad usare i prototipi dei pettini moderni all’età della pietra. Essi venivano ottenuti dalle corna di mucca. Oggi esiste una varietà enorme dei modelli diversi di pettini e spazzole per capelli. Oltre agli utensili indispensabili per ogni donna essi sono diventati anche un accessorio di moda.

Varietà

Oggi in commercio si trovano i pettini per l’uso professionale e per l’uso casalingo, inoltre sono molto popolari le spazzole asciugacapelli munite della funzione ionizzante. Ogni tipo di accessorio ha dei determinati obiettivi e varie particolarità.

Per la pettinatura

Ogni giorno bisogna pettinarsi almeno 3-4 volte per mantenere la salute e l’aspetto curato dei capelli. Per scegliere lo strumento più adatto dovete prendere in considerazione il tipo e lo stato di salute della vostra chioma.

Massaggiante

Sono le spazzole più diffuse per la cura quotidiana dei capelli. Sono destinate solamente per la pettinatura, per fare la piega dovrete usare gli altri accessori. Dal nome diventa chiaro che la spazzola ha pure un altro scopo, ossia effettuare il massaggio del cuoio capelluto. Questo permette di accelerare la circolazione del sangue nel derma migliorando il metabolismo nei follicoli e attivando la crescita dei capelli.

Se non sapete quale spazzola scegliere per i capelli lunghi, questa sarà una scelta ideale, la spazzola massaggiante con le setole miste di nylon e pelo naturale oppure con i denti in legno.

Spazzola a paletta

Ha una superficie più larga quindi è perfetta per la pettinatura della chioma. Alcune donne usano tali modelli per stirare i capelli con il phon, però in questo caso bisogna stare attente alla scelta del materiale di cui è fabbricato l’accessorio. Se è fatto di plastica, essa deve essere termo resistente.

Invece, gli strumenti con i denti in metallo non sono proprio adatti per lo styling a caldo, in quanto essi si scaldano subito e possono danneggiare le ciocche.

Pettine

I pettini sono piatti con i denti collocati ad una certa distanza uno dall’altro. Sono ottimi per pettinare i capelli ricci, in quanto sono in grado di districare le ciocche arruffate senza traumatizzarle. Sono spesso usati per applicare e stendere lungo la chioma le maschere, le tinte e gli oli.

I pettini a denti larghi sono adatti per i capelli corti. Inoltre, possono essere usati per cotonare la chioma. Con l’accessorio a denti fitti è facile districare i nodi e mettere in piega i riccioli.

Per la piega

Si possono arricciare i capelli o solo le punte, volumizzare le radici con l’aiuto del phon e le spazzole in modo casalingo. In commercio potete trovare diversi tipi degli utensili che facilitano la messa in piega. Dopo qualche prova riuscirete a maneggiarli al livello di un parrucchiere esperto.

A scheletro

Uno dei tipi di spazzola più popolare tra gli stilisti e le consumatrici. La sua base ha tanti fori per la circolazione dell’aria. Ha una superficie incurvata. I denti sono di lunghezza diversa che permette di districare le ciocche senza danneggiarle, sono addirittura adatti per la pettinatura della chioma umida.

Esistono i modelli con la dentatura unilaterale e con quella bilaterale. Questi ultimi sono dotati di denti di varia lunghezza e posizione per rendere più comoda e facile la procedura della messa in piega. Usando l’utensile potete dare volume all’acconciatura nella zona delle radici, potete stirare la chioma oppure arricciare le punte verso dentro o verso fuori.

Tipi di spazzole per capelli

Tonda

Una spazzola tonda con un buco all’interno viene usata più frequentemente per stirare le ciocche oppure modellare le acconciature ondulate. I denti o le setole sono collocate su tutta la superficie dello strumento aiutando a mettere in piega i capelli più stopposi ed indisciplinati.

Vengono prodotti i modelli di vario diametro. Quello piccolo è adatto per i capelli corti, più grandi si usano per lavorare sui capelli lunghi. Più folti sono i capelli, più lunghe devono essere le setole.

Cercate di optare per le spazzole tonde con un buco nella base, grazie a questo la chioma si asciugherà più rapidamente.

A forchetta

Esistono vari modelli di pettini di questo tipo. Ci sono i pettini tripli, dove su due lati si trovano i denti larghi e fitti, ed il manico finisce con “la forchetta”. Ci sono anche i modelli pensati appositamente per le mèches e per fare i tagli.

Usando questi strumenti si possono distribuire sulla chioma diversi composti cosmetologici, fare la piega, cotonare, definire la frangia. Questi pettini vengono usati piuttosto dai parrucchieri professionisti.

A coda

Sono pettini con la coda lunga e appuntita. Questo strumento aiuta a fare una scriminatura perfettamente retta oppure di forma diversa.

Inoltre, questi modelli sono indispensabili per separare le ciocche uguali per creare diverse acconciature, ad esempio con le treccine.

Materiali

Oggi le donne hanno a disposizione i pettini e le spazzole in qualsiasi materiale. Quelli naturali sono i migliori, in quanto non rovinano i capelli e sono ottimi per districare i nodi. Ma anche i modelli sintetici sono molto richiesti perché hanno un prezzo accessibile e sono semplici da pulire.

Adesso vediamo le varianti più popolari.

Materiale Pregi Difetti
In corno e di guscio di tartaruga La composizione di questi materiali è molto simile a quella dei capelli umani, quindi è molto salutare usarli per pettinarsi. Gli strumenti eliminano l’elettricità statica dai capelli rendendoli morbidi e lucidi. Costo alto.
Di plastica I pettini e le spazzole in plastica sono facilmente accessibili e facili da pulire. Si possono rompere a pezzi e danneggiare i capelli, elettrizzano la chioma dopo la pettinatura.
In metallo Non elettrizzano i capelli, districano bene i nodi, sono facili da pulire e durano a lungo. Non sono adatti per la pettinatura quotidiana, entrano in reazione con il pigmento artificiale, quindi sono sconsigliati per i capelli tinti. Se le punte dei denti non sono protetti con le palline speciali, possono graffiare il cuoio capelluto.
In silicone Pettinano la chioma in modo efficace, scivolano liberamente giù le lunghezze, hanno un effetto antistatico, sono facili da pulire e lavare. Tali strumenti vengono spesso usati durante le procedure della permanente e colorazione. Sono pure sicuri per pettinare i capelli extension. Il prezzo è più alto che per i pettini e spazzole in plastica e metallo.
In legno Il materiale naturale non rovina la chioma e non la elettrizza. Diversi tipi hanno varie proprietà curative, aiutano a risolvere dei problemi tricologici. Nel legno i microbi si moltiplicano molto facilmente, quindi i pettini devono essere puliti più frequentemente. Sono parecchio costosi e si devono cambiare più spesso degli altri tipi degli strumenti.
Setoli naturali (ad esempio cinghiale) Sono ottimi per la cura dei capelli, non li elettrizzano, li pettinano delicatamente lasciando la chioma liscia e morbida. Hanno un prezzo abbastanza alto, non districano i nodi.

Come scegliere i pettini e spazzole?

La varietà dei pettini e le loro caratteristicheGli esperti consigliano di avere a casa diversi modelli sia per la cura quotidiana dei capelli sia per modellare varie acconciature.

Se avete i capelli fini e deboli, optate per gli accessori costruiti in materiali naturali. Grazie ad essi le ciocche smetteranno di arruffarsi ed elettrizzarsi. Per la chioma folta e dura utilizzate gli strumenti in plastica e silicone.

Inoltre, prendete in considerazione i fattori seguenti:

  • Nelle spazzole massaggianti il corpo deve essere morbido. Se avete l’intenzione di utilizzare lo strumento per fare lo styling a caldo, optate per i modelli in ceramica. Essa non si surriscalda e non rovina i capelli, invece il metallo può seccare la chioma.
  • Durezza dei denti. Più deboli e sottili sono le vostre ciocche, più morbidi devono essere i denti e le setole degli accessori. Se avete i capelli sani e ricci, sarà molto difficile pettinarli bene con le setole naturali.
  • Presenza di palline protettive. I denti delle spazzole devono essere dotati delle palline speciali tonde che proteggono la chioma ed il cuoio capelluto dai danneggiamenti.
  • Qualità del corpo e dei denti. State attente che il pettine non abbia le scheggiature, tutti i dettagli siano ben lucidati, sopratutto nei modelli in legno. L’uso degli utensili di qualità scarsa può provocare le doppie punte e la secchezza dei capelli.
Per la cura quotidiana comprate i modelli piccoli che possano entrare in borsa. Le spazzole tonde sono scomode, perché occupano molto spazio e non si piegano.

Manutenzione

Per avere i capelli sempre belli curati, dovete mantenere i pettini e le spazzole puliti. Sarebbe ideale rimuoverne i capelli dopo ogni pettinatura. Questo potrà prevenire la moltiplicazione dei microbi sulla superficie dello strumento.

Altri consigli degli esperti sono seguenti:

  1. Dovete lavare i pettini in legno con acqua e sapone una volta alla settimana. Dopo di che asciugateli con l’asciugamano e lasciate in posizione verticale. Questi modelli vengono conservati lontano dalle fonti di umidità, di calore e dai raggi solari diretti.
  2. Lavate i pettini in altri materiali una volta in 1,5-2 settimane con il sapone liquido o shampoo. Dopo aver pulito lo strumento lo dovete lasciare asciugare completamente.
  3. Pulite le spazzole ogni 2-3 giorni per evitare che ci si moltiplichi la microflora patogena.
  4. Per eliminare le impurità utilizzate le salviettine umidificate pulendo ogni dente.
  5. Se un pettine o spazzola non ha una superficie integra, dovete sostituirlo subito con un accessorio nuovo.

Altrimenti dovete cambiare i pettini comuni ogni sei mesi. Quello che riguarda gli strumenti in legno o in pelo naturale, è consigliabile cambiarli una volta in 2-3 mesi.

Conclusione

Oggi l’industria di bellezza offre tantissimi strumenti per la pettinatura dei capelli, per la messa in piega e per effettuare diverse procedure. I pettini e spazzole sono gli accessori indispensabili per tutte le donne. Secondo gli esperti la salute e la bellezza dei capelli dipende direttamente dalla qualità e pulizia di questi oggetti.

Siate molto prudenti ad acquistarli e considerate sempre il vostro tipo dei capelli per garantire loro una cura giusta e delicata.

Dopo il trattamento utilizzate i prodotti senza solfati per almeno 3 giorni. Andrebbe bene lo shampoo “L'Oréal Botanicals”, per un effetto migliore aggiungete il balsamo “Botanicals Lavanda” o la maschera “Botanicals Maschera”.