Colorazione per le brune: tecniche e particolarità

Nonostante le brune abbiano sempre un look molto espressivo, pure loro a volte hanno il desiderio di cambiamenti. Tuttavia, tingere correttamente i capelli neri non è un compito facile, addiritura non tutti gli stilisti professionisti ne sono capaci. Sarà ancora più difficile lavorare con una chioma tinta di colore nero. In questo caso non si può evitare di fare prima il decapaggio per rimuovere il pigmento. Per fortuna oggi esistono parecchie tecniche moderne della colorazione per le donne more.

Caratteristiche dei capelli neri

Il colore naturale dei capelli è una questione di genetica ed è condizionato dalla presenza del pigmento colorante di due tipi, quali l’eumelanina (quello scuro) e la feomelanina (giallo rossastro). La loro combinazione nelle proporzioni diverse dona tutta la diversità delle sfumature che fanno parte della palette naturale dei colori. L’eumelanina domina nelle chiome scure.

Inoltre, i capelli si distinguono secondo il loro spessore. Le persone con i capelli mori e castani hanno i fusti più grossi ed i bulbi più grandi. Quindi la quantità di tali capelli su un centimetro quadrato del cuoio capelluto è meno rispetto a quella delle donne bionde e con la chioma rossa. Tuttavia, grazie al fatto che i capelli scuri hanno il diametro più grande essi appaiono più folti di quelli fini chiari. Infatti, essi resistono meglio alle procedure della colorazione e perfino della permanente.

Però, in compenso, le brune hanno tanto pigmento nella capigliatura ed in più, lo strato superiore di cheratina del fusto pilifero è più spesso. È parecchio difficile privarli dal pigmento. Perciò bisogna utilizzare l’ossidante ad alta percentuale.

L’obiettivo di un parruchiere esperto sarà trovare un giusto mezzo che permetta di cambiare il colore secondo il desiderio della cliente senza rovinare i capelli.

Tecniche di colorazione

Fino a qualche tempo fa l’unica tecnica della colorazione irregolare era quella delle mèches. A volte le donne più rischiose osavano schiarirsi le punte delle acconciature a cascata. Questo permetteva di rinfrescare e personalizzare il loro look.

Oggi sulla base delle mèches classiche esistono tantissimi nuovi metodi interessanti della colorazione. Inoltre, dagli anni 70 è ritornata la moda per i colori neon in cui vengono tinte non solo delle ciocche scelte ma anche tutta la chioma.

Quindi adesso ci sono molte possibilità di scegliere, cercate uno stile migliore per voi e godetevi le vostre trasformazioni.

Adesso parliamo più in dettaglio dei diversi tipi di colorazione che sono adatti per le donne brune.

Le mèches

Contrariamente all’opinione comune le mèches esistono ancora. Si sono semplicemente trasformate acquistando delle nuove forme più moderne. Le tecniche principali adatte per le donne more sono le seguenti:

  • Veneziane – sulla chioma vengono create delle sfumature delicate dei colori della gamma piuttosto calda che si distingue dal tono di base di 2-3 livelli. Tale colorazione si accorda sopratutto con i capelli lisci oppure leggermente ondulati medi o lunghi.
  • Americane – le star di Hollywood le hanno provate per la prima volta avendo accentuato alcune ciocche con le sfumature di rosso, rossiccio e rame. La tintura rende l’acconciatura più colorata e tutto il look allegro e vivace.
  • Sale e pepe – il nero naturale o tinto si mischia spessamente con le sfumature cenere, acciaio o grigio chiaro. L’acconciatura appare attraente e creativa solamente nelle ragazze giovani. Le donne 30+ invece rischiano di aggiungere visivamente qualche anno.

Graduali

La colorazione graduale include delle transizioni sfumate dal chiaro allo scuro. Esse vengono create grazie alla tecnica dell’effetto ombra ed all’uso delle tonalità intermedie. La transizione può essere sia verticale sia orizzontale, simile al naturale oppure contrastante. La scelta dipende dalle preferenze personali della cliente e dalle capacità del parrucchiere.

  • Ombré – prevede una transizione orizzontale molto sfumata e praticamente invisibile dalle radici scure fino alle punte chiare. Il confine tra i colori si può trovare sia alla distanza di 5-6 cm dalle radici sia nella terza parte inferiore della lunghezza. La tecnica è abbastanza facile da realizzare. Ha qualche variazione.
  • Sombré (soft ombré) – l’effetto della decolorazione della parte inferiore dei capelli come se fossero stati schiariti un pò al sole. La palette dei colori include la gamma solamente naturale e la differenza tra le sfumature non deve superare 3 livelli. Un lavoro ideale di un parrucchiere non dovrebbe essere proprio visibile.
  • Bronde – il confine della transizione è ancora più sfumato. L’effetto contrastante non viene utilizzato nemmeno sulla versione classica. I capelli vengono schiariti di 2-3 toni gradualmente cambiando il colore su tutta la lunghezza. Per effettuare tale tecnica bisogna sapere perfettamente stendere la tinta.
  • “Occhio di tigre” – per realizzare questa colorazione bisogna schiarire tutti i capelli di almeno un paio di toni. Dopo di che grazie alla combinazione particolare delle sfumature marroni, rame e dorate viene ricreato un effetto tridimensionale. Quando la chioma tinta secondo questa tecnica brilla al sole, sembra veramente il luccichio delle pietre preziose.
  • Shatush – viene creato l’effetto della transizione verticale graduale dei colori grazie alla colorazione di alcune ciocche scelte casualmente. La tinta deve variare al massimo di 3-4 sfumature dal colore di base. È adatto per tutte le età e le lunghezze dei capelli. Quindi è una tecnica universale e molto bella.
  • Balayage – è ottima per accentuare la struttura a livelli dei tagli a cascata. Su tutta la chioma vengono schiarite alcune ciocche molto fini dalle radici fino alle punte. Per cui l’acconciatura sembra dipinta e diventa visivamente più voluminosa. Inoltre, è una tecnica molto delicata.

Creative

Non tutte le donne si possono permettere di provare tali tecniche. Per ottenere un colore dei capelli veramente saturo e vivace, le brune prima saranno costrette di schiarire le zone scelte della chioma di 3-6 livelli (a seconda di quali sfumature verrano poi applicate). Se la tecnica sarà realizzata correttamente da un veroparrucchiere professionista, il risultato verrà meraviglioso.

  1. Galaxy Hair – questo metodo è nato nel mondo delle sfilate di moda, quando per le modelle venivano creati i look creativi in assoluto, praticamente extraterrestri. La colorazione prevede la combinazione delle sfumature molto intense viola, blu, verde e rosa. Tutta l’acconciatura deve somigliare ai paesaggi fantastici spaziali.
  2. SunSet Hair – una tecnica modernissima graduale a più colori, adatta piuttosto alla chioma lunga e perfettamente liscia. In essenza, viene creato un effetto del tramonto o dell’alba grazie alla combinazione dei seguenti colori: viola, blu, arancione, rosso e giallo.
  3. Color Ombre – l’ombré colorato. La parte inferiore schiarita delle ciocche viene poi colorata oppure tonalizzata di qualche colore vivace. Si usano il verde, azzuro, viola, rosa, ciliegia, rosso, etc.
  4. Dip Dye Hair – la colorazione più delicata ed allo stesso tempo molto interessante e creativa per le brune. Soltanto le punte (3-5 cm) vengono prima schiarite di 5-6 livelli e poi colorate in colori neon. È capace di rendere straordinario sia qualsiasi taglio classico come il caschetto, sia tutti i tagli asimmetici. Però può essere ugualmente bella sui capelli lunghi e lisci.
  5. Graffiti Hair – una tecnica nuova, estremamente complicata. Prevede l’applicazione molto precisa della tinta sulla chioma perfettamente liscia. Non tutte se la possono permettere per il suo costo elevato. Inoltre, il risultato non dura più di 2-3 mesi. Praticamente questa è una tecnica che permette di fare dei dipinti, anche in 3D, sulla chioma.

Gli stilisti hanno sempre delle nuove idee. Vuol dire che appariranno delle tecniche di colorazione ancora più moderne e creative. Però, se scegliete questo stile vi dovete rendere conto che starete sempre al centro dell’attenzione e sarete costrette di fare regolarmente il ritocco ricrescita.

Monocolore

Ai giorni di oggi la colorazione monocolore è diversa da come poteva essere 20 anni fa. Le tinte professionali coprono bene i capelli senza rendere loro il look sfibrato e innaturale. Grazie alla presenza delle particelle riflettenti essi possono preservare la loro brillantezza naturale ed acquisire un volume extra.

Inoltre, la tecnica monocolore ha i suoi vantaggi:

  • è facile da effettuare a casa;
  • permette di cambiare completamente il colore;
  • le tinte delicate con gli oli naturali non causano quasi nessun danno ai capelli;
  • se la tonalità è scelta correttamente il risultato viene molto naturale;
  • se il nuovo colore non piace più si può facilmente cambiare per qualche altro oppure ripristinare quello naturale.

Le donne con i capelli scuri e castani non si devono dimenticare del proprio colore degli occhi e delle sopraciglia. Se sono molto scuri, tutti i tipi del biondo ed il biondo scuro non ci stanno bene. Questi colori renderanno il viso simile ad una bambola. In questo caso sono consigliate le sfumature su cioccolato, castano oppure rame.

Invece, le donne con gli occhi e la pelle chiari si possono permettere le tonalità beige e cenere. Gli occhi marroni si accordano bene con il rosso e il viola.

Consigli professionali

Qualsiasi colore scegliate per tingere i vostri capelli scuri o neri, bisognerà comunque prima schiarirli. Per cui dopo la colorazione vi dovrete prendere cura della vostra chioma più accuratamente. Più forte sono stati schiariti i capelli, più danni essi subiscono. Sopratutto se li avete decolorati di più di 4 toni. In questo caso è consigliato non toccare proprio gli strumenti per lo styling a caldo.

La colorazione creativa si lava via abbastanza rapidamente. Per giunta il colore vivace non si trasforma in quello chiaro pastello, ma invece diventa stinto. È impossibile correggerlo a casa, quindi dovete essere pronte a frequentare il salone abbastanza spesso (ogni 3-4 settimane).

I colori vivaci e cenere sono capricciosi. Essi possono sia rinfrescare e migliorare il look, che mettere in evidenza l’età e tutti i difetti della pelle. Quindi state molto attente se li vorrete scegliere. Il vostro risultato finale potrebbe variare da quello sull’imagine della confezione. E non è detto che il vostro sarà quello migliore.

È fattibile effettuare la colorazione sui capelli corti e medi anche fai-da-te nelle tecniche che non sono troppo complicate, quali l’ombré, il dip dye o le mèches. Però, se avete la chioma lunga, è meglio rivolgervi ad un parrucchiere esperto, sopratutto se l’avete molto liscia oppure danneggiata. Su tale acconciatura qualsiasi errore nella colorazione sarà molto visibile e difficile da correggere. Questo lavoro poi vi costerà anche di più rispetto ad una buona colorazione professionale.

Dopo il trattamento utilizzate i prodotti senza solfati per almeno 3 giorni. Andrebbe bene lo shampoo “L'Oréal Botanicals”, per un effetto migliore aggiungete il balsamo “Botanicals Lavanda” o la maschera “Botanicals Maschera”.